The birth of a poem...

The essence of very tiny detail, like a carefully placed comma, or an invisible sigh of admiration, distilled into dewdrops sliding over the long green leaves that protect tulips from overexposure, redeeming the beautiful bold color and adding a dimension of its own.

Then letting it go into thin air, like a weightless particle,arriving in far-away places, like a carefully thought-out idea, a blissful singular event, a flash of infinitesimal brightness, arriving at noon, completely negating shadows and at the same time completely absolving them.

The reign of calm arrived with these words and it is here to stay...



Sunday, October 3, 2010

Autoritratto

Sono la virgola perduta nella traduzione dei sospiri.

Sono il pizzico di sale q.b. citato alla fine della ricetta.

Sono la parte che manca dalla foto strappata.

Sono il numero che manca dalle combinazioni improbabili.

Sono la macchia di schiuma sullo sfondo della tazza del cappuccino.

Sono l'idea fantastica e poco stabile.

Sono un fiore senza profumo, mai reciso.

Sono un pensiero da lontano, impreciso.

Sono vorace. Irruente. Impossibile.

Sono io. Sono capace di credere.

Sono io. Anche quando non ci credo piĆ¹.

A voi il giudizio se il ritratto corrisponde.

A me la scelta di essere abbastanza coraggiosa di ammetterlo.

Posted via email from biljana's posterous

No comments: